COSA SONO LE

ENERGIE NEGATIVE

e come difendersi...

Non esiste in senso assoluto un'energia positiva e negativa.
Nell'universo esiste solamente energia.

 

Ma la modalità che ci permette di conoscere la realtà è di tipo comparativo. Siamo in grado, cioè, di comprendere il mondo solo mettendo a confronto più esperienze.

Il cosiddetto "negativo" prende forma solo in relazione a qualcos'altro. La pioggia può rovinare i piani per una scampagnata ma permette di nutrire la vegetazione. Allo stesso modo un oggetto assume una valenza in relazione all'uso che se ne fa. Con un coltello posso ferire una persona o nutrirla offrendole una fetta di pane.

L'accezione positivo o negativo dipende quindi dal punto di vista. Una situazione diventa buona o cattiva in relazione alle nostre esigenze.

Se la mia ditta fallisce, qualcun'altro prenderà il mio posto traendo beneficio dallo spazio che ho lasciato. E non è detto che per me siano solamente guai. Alle volte, solamente in questa maniera siamo in grado di capire che la nostra strada è da qualche altra parte, e magari, cambiando percorso lavorativo, riusciamo a trovare un'attività molto più appagante e remunerativa.

Per cambiare punto di vista abbiamo bisogno di energia, e di energia nel cosmo ce n'è in abbondanza. Scoprire questa realtà, porta a dei cambiamenti notevoli nella percezione della nostra vita quotidiana.

Cambiare punto di vista permette di concentrare meglio le risorse e di trovare motivazioni più coerenti e costruttive a tutto ciò che accade intorno a noi. Molte volte, chiusi in una prospettiva statica, non ci accorgiamo di come la vita ci stia fornendo vere e proprie indicazioni per un cambiamento di rotta necessario al nostro benessere.

Quindi, se non esistono energie negative, cosa sono le sensazioni che proviamo nel rapportarci con determinate persone o nel frequentare alcuni luoghi? Nel mondo degli operatori olistici, spesso si sente parlare di come proteggersi dalle influenze negative che si possono ricevere durante i trattamenti.

La paura della contaminazione...

Avete mai giocato a dama cinese?

Si tratta di un piano a forma di stella a sei punte, uno dei simboli più diffusi nel mondo, in tutte le culture e civilizzazioni della storia, dove ogni punta ospita 10 sfere che dovranno muoversi fino ad arrivare ad occupare la punta opposta della stella.

Spesso, quando si impara a giocare a dama cinese, si tende a rimanere nella posizione di partenza per la paura di lasciare all'avversario lo spazio e di perdere così la partita.

Ma lo scopo principale non è quello di bloccare i movimenti dell'avversario ma di arrivare con tutte le nostre sfere ordinate nella parte opposta del campo di gioco.

Quando si capisce questo, le prime volte, ci si ritrova tutte le palline avversarie posizionate di fronte alla nostra "casa" e appena apriamo la porta subiamo una vera e propria invasione di massa. A quel punto, non siamo più in grado di sostenere la situazione.

Mi ricordo che quando vissi la stessa esperienza, fui travolto dalla grassa risata del mio maestro che, ricomponendosi mi spiegò che non bisogna avere paura di aprire la porta se si vuole uscire. Senza aprirci e lasciare entrare anche i "batteri", non si può andare da nessuna parte.

Quindi viva la contaminazione!

A livello energetico, mi è sempre stato insegnato dai maestri delle Ande a non aver paura degli abitanti di questo universo che è costituito di energia vivente ed intelligente. Il cosmo è democratico. Avendo noi la nostra casetta energetica, possiamo decidere se aprirci o meno all'esterno.

La decisione è esclusivamente nostra. Il libero arbitrio...

Una questione di responsabilità.

Se riconosciamo una situazione che non siamo in grado di gestire, siamo liberi di decidere se affrontarla.

Allora, con un cambio di prospettiva, possiamo dire che è tutta una questione di capacità di gestione delle situazioni. Ovvero, più impariamo a districarci in situazioni complesse e difficili, più saremo liberi di scelgliere. Siamo come bambini che devono crescere, iparando a digerire situazioni sempre più difficili.

Quando veniamo al mondo, veniamo allattati. E' improponibile dare ad un neonato una bistecca. Il suo stomaco non sarà mai in grado di digerire fibre di quel tipo. E' questo un motivo per affermare che la bistecca è negativa, o che fa male?

Forse è solo questione di tempo e pratica. Quando il bambino crescerà, anche il suo stomaco imparerà a digerire elementi solidi sempre più complessi e pesanti. La stessa cosa vale per l'energia. Man mano che si impara ad usare lo stomaco energetico, rafforzandone la funzionalità, ogni persona diventa capace di digerire energie sempre più pesanti, riuscendone ad integrare tutti gli elementi nutritivi in esse contenuti.

Da molti anni insegno come eliminare queste energie o, ancor meglio, a trasformale a nostro favore, imparando a gestire sempre meglio le proprie emozioni e le relazioni in tutti gli ambiti della nostra vita (crescita personale, relazioni affettive, lavoro).

 

Qui trovi una serie di VIDEO (LINK) dove ti insegno alcune delle migliori tecniche che utilizzo nei percorsi di SOUL COACHING

Contattami per una consulenza personalizzata o per organizzare un percorso di formazione per il tuo team!

percorsinelsacro@gmail.com

  • White Facebook Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Icona sociale
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now